Storia sezionale

Introduzione e cenni storici SEO CAI Domodossola

Il Club Alpino Italiano sorge a Torino nel 1863 su iniziativa di Quintino Sella, scienziato, politico e alpinista piemontese con l’intento di far conoscere e rendere popolare anche agli italiani il nobile culto della montagna.
Subito dopo la fondazione iniziano ad affiancarsi le prime “succursali”: Aosta(1866), Varallo (1867), Firenze, Domodossola (1869) e successivamente tutte le altre fino a raggiungere le attuali 465 sezioni.
E’ del 30 agosto 1869 il primo riferimento storico che ci porta alla seduta straordinaria del CAI a Varallo Sesia nella quale l’ingegner Giorgio Spezia,altro noto personaggio storico ossolano,manifesta l’intenzione di fondare una succursale a Domodossola.
Ottenuta l’approvazione necessaria già il 28 Agosto 1870 la nostra neonata sezione organizza ed ospita il congresso dei soci del Club Alpino Italiano.
La sezione ossolana intensifica da subito i rapporto con quella di Varallo per arrivare alla costruzione della capanna Eugenio Sella che sarà inaugurata nel luglio 1891e che nel 1954 diventerà proprietà esclusiva della sezione.
In quegli stessi anni un gruppo di volenterosi, in una riunione tenutasi a Piedimulera, nel gennaio 1899 pone le basi per la costituzione della Società Escursionisti Ossolani ,più brevemente SEO,legalmente ratificata nel febbraio dello stesso anno. Tra i principali artefici Gian Domenico Ferrari,studente rosminiano. di Domodossola ed Ettore Allegra,pure lui ossolano,laureatosi in Legge all’università di Torino. Anche la SEO nasce con lo scopo di diffondere,facilitare e rendere popolare l’alpinismo soprattutto a livello locale.
Dal 1901,anno in cui viene inaugurato il rifugio su monte Cistella,che in seguito prenderà il nome di Giovanni Leoni,al 1909 la sezione domese del CAI,in collaborazione con la Società Escursionisti Aronesi,costruisce il rifugio Ferrari presso i laghi di Paione.
Negli anni successivi continuano le collaborazioni fra CAI e SEO in termini sia di migliore diffusione della conoscenza delle valli ossolane sia in termini di acquisizioni e ammodernamento di svariati rifugi e bivacchi sul territorio. Entrambe le sezioni organizzano gite che vengono segnalate ai soci tramite la diffusione di opuscoli informativi e pubblicazioni varie.
Successivamente alla tregua forzata dell’attività alpinistica durante la guerra si ha una ripresa vigorosa di tutte le attività stimolata anche dalla conquista del K2 da parte degli italiani.
A livello locale è da segnalare la fondazione nel 1947 dello storico Coro della SEO il cui repertorio classico finisce poi per orientarsi verso l’interpretazione degli antichi canti ossolani.
Nel 1954,attraverso l’impegno di alcuni soci nasce la stazione del Soccorso Alpino e due anni dopo,nel1956,su iniziativa del socio Don Pietro Silvestri,si costituisce in seno alla sezione, il gruppo Speleo CAI Domo,ricordato per l’esplorazione della voragine al lago Pojala e alle grotte di Coimo e Cortino.
L’anno successivo viene istituito su iniziativa del professor Livolsi anche il corso di sci per ragazzi,nuova attività sezionale dedicata ai più giovani che continuerà con successo fino ai nostri giorni.
Finalmente il 1959 vede la fusione in un unico sodalizio della Sezione Ossolana del CAI e della SEO.Anno importante è il 1969 nel quale inizia la lunga storia di quello che diverrà il rifugio Eugenio Margaroli all’alpe Vannino,intitolato così in onore dell’amico scomparso in Perù, costellata da lotte burocratiche e atti di generosità e dedizione da parte di molti soci. Sempre nello stesso anno la sezione organizza la prima settimana nazionale di alpinismo giovanile a Macugnaga inaugurando una tradizione che ne caratterizzerà gli anni successivi raggiungendo il suo culmine negli anni novanta con una settimana internazionale di escursionismo giovanile nelle nostre valli.
L’ammodernamento del bivacco Conti,del rifugio Leoni e la costruzione del punto di appoggio Marigonda,unitamente alla segnatura dei sentieri e al posizionamento della segnaletica connessa ad essi nel comune di Domodossola sono l’opera che la sezione ha compiuto nell’ultimo ventennio,coronando il sogno della nuova sede inaugurata nel marzo del 2000.

Sezione S.E.O. DOMODOSSOLA nata nel 1959 dalla fusione  fra la Sezione Ossolana del C.A.I. e la Sezione S.E.O. di  Piedimulera  alcune note storiche:
a cura di Pino Bonzani

 

Domodossola 27 dicembre 1869 fondazione della “Succursale Ossolana” del Club Alpino Italiano.

Soci Fondatori:

Ing. Giorgio Spezia, Ing. Belli Giovanni, Avv. Stefano Calpini, Deputato Gentinetta Giovanni Studente , Groppiere Alessandro, Avv. Guglielmazzi Antonio Poprietario Mellerio Francesco, Rag.Minetti Francesco, Geom. PirazzziMaffioli Pietro, Ing. Protasi Giovanni Domenico Proprietario Protasi Giovanni, Avv. Rigoni Angelo,Avv. Spezia Lodovico, Avv. Trabucchi Giacomo.

 

Piedimulera 22 gennaio 1899 Fondazione della Società Escursionisti Ossolani S.E.O.

Soci fondatori:

Geologo Ettore Allegra, Notaio Filippo Birocchi, Antonio Birocchi, Ing. Reginald Bocquet, Erminio Broglia, Riccardo Cicoletti.Cesare Conterie, Giuseppe Fantoni, Gian Domenico Ferrari Ing. Henry Kendall, Ernesto Lo setti, Carlo Mirridate, Innocente Piazzi, Attilio Pirazzi Maffiola, Cesare Pirazzi Maffiola, Enrico Pirazzi MafffiolaPietro Pirazzi Maffiola, Plinio Prazzi Maffiola.

 

Protagonisti della fondazione delle associazioni alpinistiche ossolane furono i più bei nomi del mondo professionale ed intellettuale Ossolano di fine ottocento. Giorgio Spezia, primo Presidente della Sezione Ossolana del CAI, studiò mineralogia a Heidelberg e insegnò al Politecnico di Torino dove fondò il museo Mineralogico, primo per importanza in Italia. Gli successero Giovanni Domenico Protasi, Deputato al parlamento subalpino e promotore della strada carozzabile della Valle Anzasca, e fisico e deputato dal 1852 al 1861.

A cavallo del secolo furono presidenti l’onorevole  Alfredo Falcioni e Giovanni Leoni. Nel 1909 fu nominato Presidente Luigi Amedeo di Savoia, Duca degli Abruzzi.

Tra i soci fondatori della S.E.O. associazione popolare rispetto al più elitario CAI, troviamo singolarmente un gruppo di Ingegneri impegnati nei lavori minerari di estrazione dell’oro a Macugnaga: primi Presidenti furono Cesare Conterie ed Ettore Allegra.. Presidente Onorario della S.E.O., fu Gian Domenico Ferrari, valente alpinista morto cadendo in un crepaccio al ritorno da un’ascensione al Gran Paradiso, il suo nome è ricordato dal “canalino Ferrari” al Cervandone.

 

I Nostri Presidenti

Giorgio Spezia

Giovanni Domenico Protasi

Alfredo Falcioni

Giovanni Leoni

Luigi Amedeo di Savoia, Duca degli Abruzzi

Cesare Conterie

Ettore Allegra

Marco Alberti Violetti,

Arturo Maffioli (1959-1961).

Franco Livolsi (1961-1962)

Antonio Galtarossa (1963 – 1984)

Dino Del Custode (1985-2000)

Pino Bonzani  dal 2000-2012.

Mario Paracchini dal 2012-