Notizie

pino

Ciao Pino,

sono stata incaricata di darti questo ultimo saluto dagli amici della nostra Sezione del  Cai di Domodossola, e, credimi non mi viene così facile…

Da tempo non eri più in ottima salute, ma la tua presenza nel Consiglio non è mai venuta meno, anche se già ne avevi fatto parte fin da ragazzo, prima come consigliere, poi come Vicepresidente e infine come Presidente, per parecchi mandati, dopo il nostro amatissimo Dino Del Custode.

Te ne sei andato così in fretta da lasciarci  sgomenti e increduli: 69 anni non sono moltissimi, e poi neanche li dimostravi con il tuo fisico da eterno ragazzo!

Sei stato prima di tutto un forte alpinista e lo dimostrano le tue ascensioni in terre lontane come quelle sulle Ande, in Perù , sul Kilimangiaro in Africa, e poi su tutte le cime principali delle nostre Alpi. Ricordo che sei stato per tanti anni segretario del Cai di Lima, quando era Presidente Celso Salvetti.

Hai sempre amato la montagna e l’hai frequentata alla grande dedicandoti alla tua Sezione Cai per far conoscere e amare le nostre ”terre alte”; ricordiamo tutti la bellissima festa organizzata al Bivacco Leoni sul Cistella, l’anno scorso, 2016, per ricordare il 40° Anniversario della posa della Croce, che svetta lassù. Avevi provveduto tu , insieme a tre tuoi amici del Cai a portarla e sistemarla sulla cima, a 3000 metri: e non è stata impresa da poco!!!

Hai pensato tanto anche ai ragazzi e per questo hai voluto diventare Istruttore e Accompagnatore di Alpinismo Giovanile. Ricordo  il periodo in cui tu con Valerio e Flaviano vi occupavate di far  fare attività di montagna a un gruppo di ragazzi che ogni anno aumentava e che vi avrebbe seguito in capo al mondo…Sono  stati in assoluto  gli anni migliori dell’Alpinismo Giovanile  domese, e lo ricordo bene perché i miei figli ne hanno fatto parte e se ancora amano andar per monti, lo devono anche a te.

Non sei stato solo Presidente, eri una colonna del sodalizio domese, e adesso ancor più ci mancherai, perché nel 2019 ci saranno grandi festeggiamenti per il 150° della fondazione del nostro  Cai e tu non ci sarai a darci una mano! Lo dicevamo tutti, tu eri “ la memoria storica del Cai di Domo”, non perché tu fossi tanto anziano, no! Ma perché tu ricordavi nomi, luoghi, avvenimenti dell’alpinismo locale; sapevi tutto dell’Archivio appunto “storico” conservato in Sezione, e specialmente riguardo ai Rifugi Alpini, che tanto sono indispensabili a chi va per monti, tu hai dato tante energie, idee e attività sul campo, come per quello che hai contribuito perfino a costruire e che risulta l’opera migliore della Sezione Domese: il Rifugio Margaroli al Vannino, per esempio, e non dimentichiamo che sei tra i promotori della realizzazione del bivacco invernale al Vannino, dedicato al tuo grande amico, Italo Valmaggia, che è appena stato inaugurato a settembre di quest’anno.

Idea molto bella quella dei tuoi familiari di mettere come  sfondo sui manifesti che annunciano la tua scomparsa, l’immagine del lago Formazzino- il Vannino, appunto- presso il quale tu hai tanti e bei ricordi della tua preziosa collaborazione con il Cai di Domo.

Siamo vicini con infinito affetto a Franca e ai tuoi figli Valentina e Michele, e tutti insieme ti auguriamo che il viaggio ti sia lieve e che tu possa “ continuare per sempre ad andare per montagne,” anche lassù!

 

I tuoi amici del Seo Cai di Domodossola